LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

MANCOSU ENTRA, SI CONQUISTA UN RIGORE E REGALA IL PAREGGIO ALL’ENTELLA

Decisivo l'esperto centravanti dopo una partita di sofferenza per la formazione di Chiavari che chiude in dieci uomini per l'espulsione di Crimi. Importanti un paio di parate di Borra che "mura" Menez, Folorusho e Situm.

TABELLINO

VIRTUS ENTELLA – REGGINA 1 – 1

Marcatore: 53° Crisetig (R), 91° [Rig.] Mancosu (E)

Virtus Entella (4 – 3 – 1 – 2): Borra; De Col, Poli, Chiosa, Pavic; Brescianini (76° Koutsoupias), Paolucci (48° Toscano), Crimi; Morosini (76° Petrovic); De Luca (70° Coppolaro), Brunori (70° Mancosu). All. Tedino

A disp.: Albertazzi, Cleur, De Santis, Bonini, Pellizzer, Cardoselli, Balducci.

Reggina (3 – 4 – 1 – 2): Guarna; Loiacono, Cionek, Rossi; Situm (92° Vasic), Bianchi (46° Folorunsho), Crisetig (83° De Rose), Liotti (83° Di Chiara); Bellomo (46° Mastour); Denis, Menéz. All. Toscano

A disp.: Farroni, Gasparetto, Peli, Stavropoulos,Faty, Marcucci, Mastour, Rivas.

Note: al 63° espulso Crimi (E) per doppia ammonizione, ammoniti Menéz (R), Brunori (E), Rossi (R), Crimi (E), Folorunsho (R), De Col (E), calci d’angolo 2 – 3, rec. 3′ e 4′

Arbitro: Sig. Luca Pairetto

Assistenti: Sig. Mastrodonato e Sig. Trinchieri

IV Uomo: Sig. Sozza

Pre Partita

Dopo la sconfitta cocente con la Reggiana subita al “Comunale”, e la sosta per le nazionali, la Virtus Entella torna a giocare davanti al proprio pubblico ospitando una neo promossa “terribile” come si presenta essere la Reggina. I “Diavoli Neri” cercano la prima vittoria in questo campionato in stagione, ma di fronte si troveranno i granata, una squadra da prendere con le molle guidata in campo dalle giocate di un calciatore come il francese Menéz. Un lusso per il torneo cadetto. “Comunale” riaperto al pubblico anche se, per via delle prescrizione del DPCM, la presenza di tifosi nello stadio chiavarese è molto limitato.

 

Le formazioni

Entella in campo con il classico 4 – 3 – 1 – 2 con Morosini ad agire sulla trequarti alle spalle del duo De Luca – Brunori. La novità in difesa sulla fascia sinistra è rappresentata dall’ustriaco Pavic che prende il posto dell’infortunato Costa. Per il resto sono le scelte che ci si poteva attendere. In panchina si vede per la prima volta il portiere neo acquisto Albertazzi e anche il rientrante Mancosu.

Trequartista anche per Toscano con Bellomo ad agire alle spalle di Denis, il centravanti argentino è il più anziano giocatore del campionato cadetto, e del francese Menéz. A destra maglia da titolare per il temibile croato ex Spezia Situm. Chiavi della difesa affidate al polacco ex Spal Thiago Cionek.

PRIMO TEMPO

400° panchina ufficiale in carriera per mister Tedino che inizia con un minuto di raccoglimento in memoria della Governatrice della Regione Calabria Jole Santelli scomparsa prematuramente qualche giorno fa. Parte fortissimo la Reggina che conquista due calci d’angolo, poi al 4° ecco il gran sinistro di Liotti che passa vincinissimo all’incrocio dei pali sfiorando l’immediato vantaggio. Di contro la squadra di Tedino fatica a farsi vede: Crisetig imposta bene a centrocampo e quando la palla arriva nei piedi di Menéz non si sa mai cosa aspettarsi. Bellomo inoltra pressa forsennatamente su Paolucci e quindi i bianco celesti faticano a ripartire.

Ci prova anche Bellomo dopo una sbavatura di Pavic, l’Entella invece reclama rigore!

Erroraccio di Pavic che spazza malamente al limite dell’area un lancio di Crisetig di fatto liberando al tiro Bellomo che calcia al volo di sinistro mandando di poco a lato del palo. Al 21° primo giallo del match a Menéz per un brutto intervento su Crimi. Passano 120″ e l’Entella si lamenta per un atterramento in area di De Col, ma l’arbitro fa cenno di proseguire. La squadra di Tedino prova a destarsi dal suo torpore: cross dal lato corto di sinistra di De Luca, ma la palla sfila sul fondo irraggiungibile per Brunori e Morosini. Al 25° De Luca va via a sinistra e centra in mezzo, Loiacono interviene con la mano sinistra attaccata al corpo: Pairetto comanda il semplice calcio d’angolo. Al 33° Brunori sulla destra mette in mezzo, ma Cionek libera di testa. Poco dopo prova la conclusione di Morosini dal limite, ma Bellomo si immola con il corpo subendo anche fallo secondo Pairetto. L’azione si interrompe e qualche dubbio rimane.

Entella in vantaggio, ma l’arbitro annulla per fuorigioco

Al 37° fa tutto benissimo Brescianini che si accentra dalla destra, entra in area e scarica in porta con il mancino: Guarna deve distendersi completamente per evitare la gran rete del giovane centrocampista, sul pallone interviene De Luca che insacca, ma in evidente posizione di fuorigioco. In pratica fino al termine dei 3′ minuti di recupero non succede altro di interessante. Squadre negli spogliatoi con parziale invariato. Reggina partita decisamente meglio, poi dal 25′ circa è uscita anche l’Entella trascinata da un buon Bresciani. Troppo “leggera”, almeno in questo primo tempo, la squadra di Tedino in attacco.

SECONDO TEMPO

Riparte la partita con due novità in campo per la Reggina: Mastour e Folorunsho al posto di Bellomo e Bianchi. Forze fresche in mezzo per mister Toscano. Reggina che parte forte e conquista un grandissimo calcio di punizione con Menéz per un fallo di Brescianini dopo una “magia” del francese. Dal limite grandissimo sinistro a giro da Crisetig che manda il pallone a fil di palo nonostante il tocco di Borra.

Occasionissima per il raddoppio granata, poi Entella in dieci uomini

Al 58° Menez parte a sinistra palla al piede, si porta a spasso i difensori e a tu per tu con Borra conclude, ma il portiere di casa è bravissimo a respingere. Palla a Liotti che conclude a portiere battuto, ma De Col oppone il corpo e salva i bianco azzurri. Entella che soffre la partenza sprint dei ragazzi di Toscano. Piove sul bagnato per i chiavaresi: Crimi commette fallo sul solito Menéz e si becca il secondo giallo. Entella in dieci uomini. Al 63° De Luca si sveglia dal suo torpore e chiama Guarna alla difficile respinta. Al 67° perfetta chiusura di Poli su Mastour dopo che il marocchino aveva superato in dribbling due avversari. Con l’uomo in meno l’Entella soffre terribilmente in mezzo al campo dove Menéz e lo stesso Mastour si infilano con grande facilità.

“El Tanque” vicino al raddoppio

Reggina padrona del campo e Denis su calcio piazzato fa correre un brivido lungo la schiena a Borra: il suo destro a giro passa a fil di palo con il portiere di casa battuto. La squadra di Tedino in netta difficoltà. Dentro quindi Mancosu per Brunori e De Luca per Coppolaro. Le occasioni si susseguono per gli ospiti: diagonale rasoterra di Situm e parata in due tempi di Borra. All’81° Pavic arriva sul fondo a sinistra e mette in mezzo, sponda di Mancosu per Koutsoupias anticipato in uscita da Guarna.

La Reggina si divora il raddoppio, Mancosu si prende un rigore e pareggia

Imbucata centrale di Mastour che mette in porta Folorusho che con il sinistro si divora letteralmente il gol dello 0 – 2 calciando sui guantoni di Borra oppostosi con i pugni chiusi. Proprio al 90° Mancosu, lanciato da Pavic, entra in area e viene agganciato sul piede sinistro da Rossi. Rigore netto assegnato dall’arbitro Pairetto. Sul dischetto lo stesso Mancosu che pareggia i conti freddamente e poi corre ad abbracciare mister Tedino. Al 93° ancora chance per la Reggina: palla di Mastour per Rossi che da posizione defilata dovrebbe appoggiare in porta, ma sbaglia clamorosamente e calcia sopra la traversa.

Un punto pesante

Una partita che sembrava ormai decisa nella ripresa viene invece riacciuffata da un Entella che ha sofferto tantissimo, ma non ha mai mollato. Punto importantissimo e fondamentale, un grande Mancosu che in 20′ minuti fa più di tutti e tre gli altri attaccanti messi insieme. La Reggina si dimostra squadra forte che gioca un buon calcio, ma che non è stata capace di chiudere prima un match dominato per lunghi tratti nella ripresa.