Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Attacco atomico per il Golfo Paradiso, preso bomber Mosto

Dopo il fallimento del Real Fieschi la squadra di Foppiano si assicura il capocannoniere del torneo e punta a vincere il campionato. Cresciuto tra Sampdoria ed Entella sarà un valore aggiunto

Colpo da novanta per il Golfo Paradiso PRCA. La formazione di mister Foppiano approfitta del fallimento del Real Fieschi e tessera il bomber Federico Mosto attuale capocannoniere del Girone B di Promozione con ben 17 reti realizzate in 15 partite disputate.

Numeri importantissimi quelli del bomber cresciuto nelle giovanili di Sampdoria e Virtus Entella e che ha poi indossato maglie importanti come quelle di Lavagnese, Rapallo, Acqui e Rivasamba. A mister Foppiano lo lega una lunga e datata amicizia dai tempi dei successi ottenuti con il Moconesi quando con la formazione della Val Fontanabuona vinsero il campionato di Promozione e ottennero la salvezza in Eccellenza disputando anche la finale di Coppa Italia.

Sono felicissimo di poter nuovamente allenare bomber Mosto” – dichiara mister Foppiano – “E’ per noi la ciliegina che apre un girone di ritorno che sarà molto duro e spettacolare con molte squadre forti a giocarsi la vittoria finale. Il Real Fieschi? Quando fallisce una società perdiamo tutti nessuno escluso, è una sconfitta per il sistema calcio! Non parliamo poi della decisione di togliere i punti che le squadre avevano meritato sul campo, assurdo! Mosto aveva richiesta da Promozione, Eccellenza e perfino Serie D, ma ha sposato il progetto Golfo Paradiso facendo una rinuncia anche sul piano economico. Grazie bomber, ora sei tornato a casa!

Il tesseramento risulterà possibile appena la F.I.G.C. regionale provvederà allo svincolo dei calciatori del Real Fieschi dopo il fallimento del sodalizio del presidente Levaggi. Mosto formerà con Rizzo, vice capocannoniere del torneo con 11 reti, Massaro e Monticone un vero e proprio “attacco atomico”. Se mister Foppiano avrà difficoltà a scegliere chi mandare in campo non osiamo pensare le difese che dovranno affrontarli.