Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Champions League la Pro Recco soffre ma batte il Marsiglia

La Final 8 è sempre più vicina

Più informazioni su

Dopo Olympiacos e Jug, la Pro Recco batte anche il Marsiglia per 8-10 e vede la Final 8 di Champions League: la qualificazione matematica potrebbe arrivare tra poche ore dopo le partite di Spandau e Ortigia.

Hernandez concede un turno di riposo ad Aicardi e schiera al centro il duo composto da Hallock e Dobud. La sblocca Younger, con l’uomo in più, dopo quasi tre minuti di gioco superando Lazovic sopra la testa. Crousillat pareggia a metà tempo, poi ecco il braccio armato di Figlioli a piegare la resistenza dei francesi con due gol fotocopia dalla distanza. Pro Recco che va sull’1-4 con Ivovic in superiorità servito da Velotto sul secondo palo. A 7 secondi dalla sirena ancora Crousillat, con Ivovic nel pozzetto, batte Bijac con un diagonale perfetto.

Il mancino francese fa tris in avvio di secondo tempo, ma è l’ultimo gol del Marsiglia prima del cambio campo e allora la Pro Recco ne approfitta bucando Lazovic per tre volte: Echenique da lontano, Di Fulvio e Luongo con l’uomo in più, per il 3-7 di metà gara.

L’attacco biancoceleste si inceppa nel terzo tempo, i mancini dei francesi continuano a fare male, questa volta è Izdinski a gonfiare la rete capitalizzando la sosta nel pozzetto di Di Fulvio a metà del quarto. Gol che viene ‘annullato’ dalla controfuga di Echenique a 45 secondi dalla sirena per il 4-8, prima del botta e risposta tra Izdinski e Di Fulvio che conduce le squadre agli ultimi otto minuti sul risultato di 5-9.

Il Marsiglia rimane aggrappato al match e sfrutta due superiorità con Durdic e Izdinski (7-9) nei primi due minuti e mezzo del quarto tempo. I biancocelesti sbattono su Lazovic e Crousillat, quarto gol per lui, sigla il meno uno a 130 secondi dalla sirena. Finale palpitante, il Marsiglia guadagna un fallo che si dimentica di battere e allora ci pensa lui, Younger, l’uomo dei momenti decisivi: fuga verso la porta, pallone nell’angolo e tre punti in classifica per rimanere in vetta.

Più informazioni su