Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

“Istituzionalizzato un tavolo cadenzato con Mit, Aspi e categorie produttive”

Assessore Benveduti: " Siamo confidenti che questo segnale di apertura possa portare a una nuova forma operativa di dialogo con il territorio, rimasto fino ad ora inascoltato".

“Grazie alla regia di Regione Liguria, che da tempo si è attivata come facilitatore e mediatore tra le parti, è stato istituzionalizzato un tavolo tecnico di interlocuzione periodica e cadenzata con Mit e Aspi, che consentirà al mondo produttivo ligure di essere finalmente coinvolto nella difficile questione dei cantieri autostradali”. A dirlo è l’assessore allo Sviluppo economico di Regione Liguria Andrea Benveduti, al termine dell’incontro in videoconferenza con Mit, Autostrade per l’Italia e i maggiori rappresentanti delle categorie economiche liguri.

“Nell’incontro odierno abbiamo recepito la disponibilità di tutti gli attori coinvolti a collaborare – aggiunge Benveduti – Siamo confidenti che questo segnale di apertura possa portare a una nuova forma operativa di dialogo con il territorio, rimasto fino ad ora inascoltato. L’estensione temporale dei cantieri sulla rete autostradale ligure impone a tutti i soggetti interessati una mediazione per ricercare le migliori soluzioni con l’obiettivo di limitare al massimo i disagi provocati dalle cantierizzazioni”.

“Metteremo a calendario già per la prossima settimana un primo incontro operativo tra le parti – prosegue l’assessore regionale allo Sviluppo economico – con l’obiettivo di verificare opportune correzioni di alleggerimento dei cantieri già oggi attivi sulla rete autostradale e prevenire i possibili disagi derivanti da nuovi interventi, attraverso un costante confronto sulla pianificazione dei lavori. Siamo certi che le parti coinvolte sapranno, con professionalità e attenzione al bene comune, sfruttare fattivamente questa occasione per migliorare una situazione che ha drammaticamente impattato e che impatterà almeno nel prossimo futuro sulla vita di ognuno di noi” conclude Benveduti.