Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Decreto Ristori bis, Benveduti: “Garantire la tempestività”

L'assessore allo Sviluppo Economico dopo la riunione con il Governo: "E' necessario per le imprese in maggiore difficoltà, prevedere non la sospensione degli obblighi tributari ma la loro cancellazione temporanea"

“Il nodo fondamentale è garantire la tempestività e la congruità dei ristori: saremo attenti nel verificare i tempi reali di erogazione e la reale portata del fondo perduto, in relazione sia al valore assoluto delle risorse sia alla durata delle misure messe in campo dal governo”: così l’assessore allo Sviluppo economico Andrea Benveduti.

“E necessaria una costante e puntuale verifica sull’inclusione di tutti i codici Ateco relativi alle categorie che sono colpite dalle restrizioni imposte dal nuovo Dpcm tra cui, ad esempio, il commercio ambulante, il mondo dello sport, il terzo settore o gli operatori dello spettacolo e della filiera turistica”.

“Tra le criticità riscontrate nelle precedenti misure, con specifico riferimento all’attivazione di linee di finanziamento la copertura delle esigenze di cassa immediate e correnti con prestiti a medio e lungo termine – evidenzia Benveduti – con conseguenti probabili squilibri finanziari che posticipano solo insolvenze. Nello specifico occorrono puntuali chiarimenti, per evitare la penalizzazione delle piccole attività commerciali all’interno dei centri commerciali, costrette a chiudere; la penalizzazione legata alla scelta di considerare il fatturato di aprile come riferimento per gli indennizzi”.

L’assessore Benveduti condivide la richiesta avanzata dalle Regioni al governo “di prevedere che i ristori scattino in modo automatico non solo per le attività oggetto di restrizioni assunte a livello nazionale ma anche nel caso di misure restrittive assunte dalle regioni con proprie ordinanze. È inoltre necessario, per le imprese in maggiore difficoltà, prevedere non la sospensione degli obblighi tributari – aggiunge Benveduti – ma la loro cancellazione temporanea, la modalità più veloce ed efficace per fornire liquidità”.