Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Pista ciclabile strutturata di corso Italia, presentato il progetto

Un percorso bidirezionale in sede propria per biciclette separato dal traffico, nel quadro di un ingente intervento di riqualificazione urbana del Lungomare

Più informazioni su

Una pista ciclabile bidirezionale tra la carreggiata stradale e la fascia pedonale di corso Italia, separata dal traffico veicolare e progettata per contemperare, e soddisfare, le esigenze di tutti gli utenti della strada nell’ottica di una maggiore sicurezza e tutela dell’ambiente.

È stato presentato il progetto della nuova pista ciclabile di corso Italia. Lunga circa 2,5 chilometri (da corso Marconi a via Cavallotti) e con una larghezza di tre metri, 1,5 per ognuno dei due sensi di marcia, il nuovo percorso ciclabile della promenade genovese è stato disegnato in modo tale da inserirsi armonicamente nel contesto architettonico e urbanistico della strada.

La nuova pista farà tornare l’intera carreggiata a monte di corso Italia, in direzione centro, nella piena disponibilità delle auto (al momento una delle due corsie è occupata dalla pista ciclabile in sede riservata realizzata nel 2020), mentre la carreggiata a valle in direzione Levante avrà due corsie fino all’intersezione con via Piave e un’ampia e generosa corsia unica fino a via Cavallotti, che permetterà comunque ai mezzi di soccorso di superare eventuali mezzi fermi in corsia.

Il progetto definitivo sarà presentato entro maggio. I lavori inizieranno entro l’autunno e termineranno nell’estate 2022, per un importo complessivo di circa 3 milioni di euro finanziati integralmente dal Mit (oggi Mims).

Ideale per un uso ludico oltre che per gli spostamenti casa-lavoro, la nuova pista ciclabile in sede propria consentirà a residenti e turisti di pedalare e circolare in sicurezza potendo godere, allo stesso tempo, di un panorama unico sul mare. A tutela dell’incolumità di ciclisti, conducenti di monopattino e pedoni, la pista sarà in sede protetta con interventi mirati alla riduzione delle interferenze con altri veicoli. Inoltre, lo spostamento a sinistra, verso la carreggiata, di parcheggi, fioriere e cassonetti rappresenterà un’ulteriore barriera e fonte di sicurezza per i frequentatori della pista.

Il progetto, affidato allo studio Montieri Macchi, intende promuovere l’uso dei mezzi della mobilità sostenibile senza danneggiare gli altri utenti della strada: infatti saranno salvaguardati i posti moto e auto, con particolare attenzione alle necessità dei disabili.

La realizzazione della nuova pista ciclabile di corso Italia sarà accompagnata da diversi interventi sul tracciato stradale come ad esempio la protezione degli attraversamenti, nuove segnaletiche orizzontali, punti per la raccolta differenziata separati da schermatura.

Il progetto punta a mantenere sostanzialmente invariata l’offerta di sosta ed in particolare la sosta per i disabili che potranno accedere facilmente alla passeggiata usando le rampe di raccordo poste in corrispondenza degli attraversamenti.

Naturalmente, per promuovere e incentivare una frequentazione quanto più possibile ecologica e sostenibile di corso Italia e dei servizi della passeggiata, saranno collocate rastrelliere per la sosta delle biciclette: ogni rastrelliera avrà un numero di stalli proporzionale alla quantità di attività presenti nelle vicinanze.

Grande attenzione viene data anche alle esigenze delle pubbliche attività poste sulla via. A questo proposito, il progetto prevede la realizzazione di aree scarico-carico merci con spazio retrostante per la movimentazione carico senza interferire con la corsia veicolare.

Infine, la nuova pista ciclabile di corso Italia rappresenta anche un’importante occasione di riqualificazione e rigenerazione urbana. Sul tratto di passeggiata adiacente alla pista ciclabile, in corrispondenza dei disegni geometrici della pavimentazione, è prevista la collocazione di fioriere con seduta integrata, così da riprendere l’attuale assetto simmetrico delle vasche a verde esistenti.

Lungo la passeggiata, ulteriori fioriere saranno collocate in prossimità delle principali attività e delle fermate del TPL, garantendo anche una maggiore separazione tra la pista ciclabile e l’ambito pedonale, che potranno godere anche nelle ore serali di un’eccellente luminosità grazie all’illuminazione di nuova formazione posta in area verde.

Più informazioni su