Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

“No a zone gialle fino al 30 aprile ma sono previste possibili deroghe”

Il consiglio dei ministri ha approvato il nuovo decreto di contrasto alla pandemia. Confermato il divieto di spostamento tra Regioni, mentre in zona rossa no a visite ad amici e parenti

“Abolita la zona gialla fino al 30 aprile ma sono previste possibili deroghe che passano dal consiglio dei ministri in caso di dati particolarmente positivi per una zona in relazione ai contagi e al numero dei vaccinati”: lo prevede il nuovo decreto legge covid.

Resta confermato il divieto di spostamento tra Regioni a meno che non si abbia una seconda casa. La mobilità è consentita solo per motivi di lavoro, salute e necessità. Sarà sempre possibile rientrare alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Rispetto al periodo pasquale nelle zone rosse non sarà consentito andare a trovare parenti o amici una volta al giorno e in massimo due persone (oltre ai minori di 14 anni conviventi). Le visite, sempre una sola volta al giorno e sempre in non più di due persone, saranno invece consentite in zona arancione, all’interno del comune di residenza.

Confermato il divieto di uscire di casa dalle 22 alle 5. Anche in questo caso, il divieto non vale in caso di lavoro, salute o necessità.