LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Nuova variante del coronavirus, Bassetti predica calma: “Niente panico, forse circola già in Italia”

L’aeroporto Cristoforo Colombo in questa stagione è collegato direttamente con la capitale britannica attraverso una sola linea operata da Ryanair con due voli al martedì e al sabato.

Anche i voli tra Londra e Genova sono sospesi per effetto dell’ordinanza del ministero della Salute che blocca il traffico aereo tra Italia e Regno Unito fino al 6 gennaio dopo che una nuova variante del coronavirus è stata scoperta in Inghilterra e già rintracciata in Olanda, Danimarca e Australia. L’aeroporto Cristoforo Colombo in questa stagione è collegato direttamente con la capitale britannica attraverso una sola linea operata da Ryanair con due voli al martedì e al sabato. L’ultimo aereo da Londra Stansted è atterrato infatti sabato alle 13.15. Tutti i passeggeri che erano a bordo sono ora obbligati a segnalarsi immediatamente al dipartimento di prevenzione della propria Asl e ad eseguire il tampone.

Si tratta di una una variante che rende il virus più veloce. “Le prime informazione dicono che sembra non fare maggiori danni ma produce più contagiati e questo resta un problema molto serie. Da primissime informazioni sembrerebbe che i vaccini possano funzionare ugualmente ma servono informazioni più solide”, ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza. Da Genova il primario di malattie infettive del San Martino, Matteo Bassetti, invita alla calma e sostiene che la variante non sarà più letale. “Si tratta di un virus mutato che è stato momentaneamente nominato VUI-202012/01 – spiega Bassetti -. Sembra più contagioso ovvero che si trasmette più facilmente da un individuo all’altro, ma non più aggressivo o letale. Si tratta ovviamente di ipotesi che andranno confermate da studi ancora in corso. Questa variante sta circolando in maniera importante e frequente nel Sud-Est del Regno Unito”.

Ma di preciso cosa è successo al virus? “Ci sono state 17 mutazioni, la più significativa delle quali è la N501Y nella proteina spike che il virus usa per attaccarsi alle cellule umane. Questa mutazione come già detto lo renderebbe più facilmente diffusibile”, spiega ancora il medico genovese.

Per Bassetti non c’è da preoccuparsi: “Non è la prima mutazione che viene descritta nel mondo e non sarà neanche l’ultima. Simili mutazione erano già state descritte in Spagna e altri paesi. “I virus mutano continuamente. E’ il loro modo di vivere: cambiare per sopravvivere. Non si può escludere che questa variante non stia già circolando anche in altri paesi incluso l’Italia. Occorrerà continuare a studiare il genoma virale dei ceppi di virus isolati nel nostro paese”.
E il vaccino sarà efficace? Quelli che funzionano a mRna, cioè Pfizer e Moderna, funzioneranno perché “fanno produrre al nostro corpo anticorpi contro molte parti della proteina spike e la mutazione descritta riguarda solamente una piccola parte. Quindi no panic. Vigiliamo, studiamo e continuiamo con il piano vaccini.