LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Educazione civica, alle scuole di Rapallo mascherine e libro guida

Mastrangelo: "Spero che il nostro prossimo regalo sia la tradizionale consegna dei biglietti per le giostre del periodo natalizio".

Sostenere e incoraggiare l’educazione civica e comportamenti di prevenzione anche nei bambini delle scuole primarie e secondarie di primo grado del territorio, questo è uno degli obiettivi dell’amministrazione comunale. Questa mattina infatti, presso il salone consiliare del Comune di Rapallo, il Sindaco di Rapallo Carlo Bagnasco, insieme ai consiglieri con incarico alla Pubblica Istruzione Laura Mastrangelo e alle Politiche Familiari e Biblioteca Elisabetta Ricci, hanno consegnato alla Preside dell’istituto comprensivo Rapallo-Zoagli Elisabetta Abamo e alla Vice – Preside dell’istituto comprensivo Rapallo Francesca Laganà, mascherine colorate e un piccolo volume – guida che aiuta i bambini a conoscere il virus e racconta in modo semplice come attuare comportamenti preventivi.

“In questo delicato periodo l’amministrazione desiderava contribuire attivamente alle attività di sensibilizzazione dei nostri bambini che stanno dimostrando grandissimo senso di responsabilità – esordisce il primo cittadino – ringrazio di cuore anche i presidi, gli insegnanti e il personale scolastico che, come sempre, hanno dimostrato disponibilità e attenzione alle necessità dei ragazzi”.

“I bambini, il loro benessere fisico e psicologico devono essere al centro delle nostre attenzioni – prosegue il consigliere Mastrangelo – mi auguro che possano tornare prima possibile a vivere momenti di normalità. Spero che il nostro prossimo regalo sia la tradizionale consegna dei biglietti per le giostre del periodo natalizio”.

“Pensiamo sia fondamentale far apprendere concetti così attuali e significativi anche attraverso momenti di svago – conclude il consigliere Ricci – la lettura, soprattutto di storie e racconti, è un ottimo modo per coinvolgere i ragazzi, soprattutto in un momento come quello attuale durante il quale non è possibile organizzare attività ludiche e didattiche nella nostra biblioteca”