LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Maturità 2021, confermato il maxi orale ma tornano le bocciature

Un migliaio di studenti spezzini aspettava di conoscere il proprio destino. Azzolina: "Stiamo ascoltando le richieste". Nelle prossime ore l'ufficialità definitiva

Niente esami scritti e solo un maxi orale in cui affrontare tutti gli argomenti svolti durante l’anno, partendo magari da una tesina concordata tra docenti e alunni. Questa la prova di maturità 2021 sulla quale starebbe lavorando la ministra Lucia Azzolina assieme alla sua squadra del Ministero con una novità importante che si starebbe profilando: il ritorno alla possibilità di bocciare l’alunno in base al rendimento dell’anno scolastico. Entro la fine di gennaio, quindi entro pochi giorni, le modalità di esame saranno definite, ma queste sono le prime indiscrezioni trapelate, e confermate da alcune dichiarazioni della ministra stessa, che ha riferito di “Aver ascoltato e recepito anche le richieste degli studenti – aveva dichiarato all’Ansa nei giorni scorsi – che proponevano una prova orale allargata, e una tesina concordata con gli insegnanti”.

Se dovesse essere confermato il tutto, il “canovaccio” potrebbe essere quello dell’anno scorso, con il maxi orale che prevede la discussione su l’elaborato concordato e assegnato dagli docenti, la discussione di un breve testo, già oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana. La discussione di un breve testo, già oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana, un materiale assegnato dalla commissione sempre coerente con il percorso fatto, l’esposizione delle esperienze svolte nell’ambito del Percorso per le competenze trasversali e l’orientamento (quello che era l’esperienza scuola lavoro) e l’accertamento delle conoscenze relative a “Cittadinanza e Costituzione”.