LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Buonsenso e attenzione per un pranzo di Natale in sicurezza

Il professore Signorelli sconsiglia abbracci, canti e condivisione di posate e bicchieri.

Più informazioni su

Niente abbracci né canti di Natale, e nemmeno posate o bicchieri in comune. Sarà un pranzo del 25 decisamente anomalo e diverso dal solito quello di chi vorrà seguire i consigli di Carlo Signorelli, professore di igiene e salute pubblica all’Università Vita Salute San Raffaele di Milano, che sul quotidiano La Repubblica ha fornito alcune indicazioni utili per un pranzo in sicurezza. Per ridurre la diffusione di “droplet”, potenziali veicoli del Coronavirus, l’esperto consiglia infatti di rimanere lontani almeno un metro e mezzo vista la situazione conviviale.

Quindi accoglienza dei parenti “senza affettuosità” e una volta in casa preferire il vivacoce per eventuali telefonate di auguri anziché passare il telefono di mano in mano, facendo massima attenzione anche agli asciugamani evitando di portarli al viso. L’esperto consiglia inoltre di arieggiare bene i locali cercando ovviamente di non creare correnti troppo fredde e, in caso di tosse o raffreddore, di indossare la mascherina anche in casa anche se forse con questi sintomi sarebbe più prudente rinunciare al pranzo di Natale. Signorelli invita inoltre a prestare massima attenzione agli ascensori – da prendere eventualmente da soli – e di utilizzare sempre il buonsenso.

Più informazioni su