Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Recco, nuovi ristori a sostegno dell’attività giovanile

Gandolfo: "E' un aiuto concreto  a un settore che ha risentito in maniera particolare dell'emergenza sanitaria."

Le società sportive con settore giovanile, costrette a sospendere le attività a causa dell’emergenza Covid, potranno fare domanda di contributo. La Giunta Gandolfo, su proposta dello stesso sindaco, continua a rispondere concretamente agli effetti scaturiti dalla pandemia, guardando al mondo sportivo locale e mettendo a disposizione un bando aperto alle società sportive con sede nel comune di Recco. Costituiscono requisiti essenziali di partecipazione lo svolgimento di attività giovanile nella fascia tra i 6 ed i 16 anni, essere stati costretti a  sospendere in tutto o in parte l’attività del settore giovanile, a seguito dei DPCM in materia di contrasto al COVID-19 oppure essere stati costretti al trasferimento della propria attività  in altra struttura o impianto diverso o fuori dai confini Comunali o aver provveduto all’attivazione di corsi on-line per garantire l’attività motoria fatta non in presenza. Le società inoltre devono sostenere spese fisse documentabili in materia di affitti, utenze, pagamento oneri previdenziali per dipendenti o collaboratori. “E’ un aiuto concreto  a un settore che ha risentito in maniera particolare dell’emergenza sanitaria. Un  contributo economico importante considerato che, nonostante la sospensione,  le società hanno dovuto continuare a sostenere le spese di carattere ordinario e, nel contempo, hanno visto ridotte significativamente le proprie entrate. Nel nostro territorio lo sport riveste un ruolo educativo fondamentale nella formazione e preparazione dei nostri ragazzi” commenta il sindaco Carlo Gandolfo, con i consiglieri delegati allo sport, Luigi Massone, e all’impiantistica sportiva, Sara Rastelli