LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Difesa della Costa, oltre 1400 Euro tra Tigullio e Golfo Paradiso

Toti: "Dal 2018 stanziati 300milioni per somme urgenze"

Regione Liguria ha stanziato 5 milioni e 898mila euro di fondi di Protezione civile, provenienti dalla struttura commissariale di gestione dell’emergenza mareggiata 2018 del commissario Giovanni Toti, per 9 interventi di difesa della costa, di contrasto all’erosione e di incremento della resilienza in 7 comuni. Si tratta di interventi che vanno a recuperare e migliorare la difesa dall’azione del mare rispetto ai danni causati dall’eccezionale mareggiata che colpì la Liguria nell’autunno 2018.

“Con questo stanziamento – spiegano il Commissario e presidente di Regione Liguria Giovanni Toti e l’assessore alla Protezione civile Giacomo Giampedrone – raggiungiamo la quota record, mai vista prima, di 300 milioni investiti sul territorio dall’ottobre 2018, tra somme urgenze, ristori dei danni a privati e imprese e, come in questo caso, opere di riduzione del rischio e potenziamento della capacità di resilienza. Abbiamo fatto nostro un concetto che prima non esisteva e che, applicato, permette non solo di migliorare le difese, ma anche la qualità della vita in termini di sicurezza. Si tratta infatti – spiegano – di opere che vanno a difendere le case, gli esercizi commerciali e le attività produttive costiere, le persone e le infrastrutture. Con questo stanziamento chiudiamo la programmazione sul fronte difesa del suolo di questo mandato mettendo sul piatto soldi disponibili subito”.

Gli interventi riguardano:

Comune di Chiavari (solo progettazione; 500mila euro)

Progettazione smantellamento scogliere parallele e ricostruzione del profilo della spiaggia

Comune di Moneglia

Intervento organico di difesa e riqualificazione del litorale mediante ristrutturazione del pennello davanti all’ex edificio Arcobaleno, costruzione di due nuovi pennelli, ripascimento strutturale. Tratto di Ponente, tra l’Arcobaleno e la Secca (437mila euro)

Realizzazione di scogliera a gettata aderente alla costa e addossata al muro ciclopico esistente per una lunghezza di circa 90 metri e potenziamento dell’orlatura di massi naturali già presenti al piede del muro. Località Punta Rospo. (475 mila euro)

Comune di Sori (1 milione e 900mila euro)

Progettazione e stralcio intervento di consolidamento e adeguamento della barriera sommersa. Potenziamento opere di difesa costiera. Ripascimento strutturale