Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Pallanuoto maschile, il Bogliasco vince ad Arenzano ed è in vetta

Daniele Megalotti: "Onore e merito quindi ai miei ragazzi, nella speranza che la festa vera possa arrivare più avanti"

Bogliasco festeggia. Anche se le bottiglie con le bollicine restano per il momento ancora nel frigo. Come è giusto che sia. L’obiettivo conquistato questo pomeriggio alla Zanelli di Savona dai ragazzi di Daniele Magalotti, per quanto provvisorio, è comunque importante e significativo. Vincendo 11-7 in casa dell’Arenzano, nel recupero della gara valida per il quinto turno di campionato non disputata un mese fa, i biancazzurri si sono infatti portati in vetta solitaria al girone Nord-Ovest di Serie A2, scavalcando di due punti il Camogli. Un traguardo volante, ancora tutto da difendere nelle tre partite che mancano prima della fine della regular season. Un traguardo comunque meritato e da sottolineare per una formazione che pur non nascondendo le proprie ambizioni non gode certo dell’unanimità dei pronostici. Almeno per quanto riguardo il primato nel raggruppamento.

Aldilà dell’epilogo felice, il pomeriggio ponentino non è stato tuttavia una semplice gita fuori provincia per i biancazzurri. Dopo un’ottima prima parte di gara, enfatizzata dal 7-2 sancito dalla sirena di cambio vasca e griffata dalle doppiette di Edo Manzi e capitan Guidaldi, dal gol inaugurale di Jack Boero e dai centri di Duilio Puccio e Giovanni Congiu, l’Arenzano ha saputo reagire in maniera vigorosa, risalendo il fossato che lo separava dai rivali in appena otto minuti, fino ad arrivare a soli due punti dal pareggio. In una terza frazione monopolizzata dai padroni di casa, a limitare i danni per gli ospiti ha provveduto Ermanno Percoco, mettendo a referto l’ottava rete bogliaschina e svegliando i suoi dal torpore che sembrava averli sorpresi dopo il cambio vasca. A porre definitivamente fine alla sbandata momentanea dei biancazzurri ci hanno poi pensato i due top-scorer di Magalotti, Guidaldi e Manzi, chiudendo i conti nella prima metà del quarto e conclusivo tempo grazie rispettivamente ad una doppietta e a un rigore.

“Ora si festeggia un po’ – ha ammesso a fine gara il tecnico Daniele Magalotti – ma solo fino a lunedì. Festeggiamo perché è giusto farlo. Sappiamo di non aver conquistato assolutamente nulla ma essere primi da soli a questo punto del torneo non era affatto scontato e credo lo si debba evidenziare. Onore e merito quindi ai miei ragazzi, nella speranza che la festa vera possa arrivare più avanti. Sulla gara di oggi, ovviamente, non posso certo dire che tutto sia andato per il verso giusto. Avevamo fatto benissimo i primi due tempi, salvo poi rischiare di compromettere tutto nel terzo. Nelle ultime uscite avevamo dimostrato di essere migliorati nella gestione della gara ma oggi sono riaffiorati gli stessi errori che facevamo ad inizio stagione. E’ evidente che si debba continuare a lavorare su questo aspetto. Per fortuna poi abbiamo ripreso a giocare e abbiamo strappato questa vittoria importantissima. Ora stacchiamo per 48 ore, poi testa al Crocera e alla gara di sabato prossimo, per andarci a prendere la qualificazione matematica ai playoff e festeggiare, questa volta sì, il primo vero traguardo stagionale”.