LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Pallanuoto, la Rari Nantes Camogli fa suo il derby contro Lavagna 90

Temellini: "Sapevo che il Lavagna non avrebbe mollato e posso ritenermi soddisfatto dell’atteggiamento dei miei ragazzi"

Buona la prima per la Rari Nantes Camogli. I bianconeri hanno iniziato il campionato nel migliore dei modi espugnando la difficile vasca del Lavagna 90 al termine di una bella partita, giocata gol a gol fino all’ultimo secondo.

Dopo un anno di astinenza da match ufficiali, Temellini si riaffida al gruppo storico e inserisce per la prima volta Marco Oneto e il giovane Schiaffino. Neanche il tempo di capire gli schieramenti delle due squadre che Beggiato porta avanti il Camogli con un perfetto tiro di rigore. Il Lavagna pareggia immediatamente, ma Iaci riporta avanti i bianconeri prima del 3 a 1 di Cambiaso con cui si chiude la prima frazione. Nel secondo tempo i ritmi restano alti,le due squadre dimostrano grande voglia di giocare, ma nessuna delle due riesce a trovare allunghi decisivi. Si va così all’intervallo con il Camogli avanti 5 a 3. Nel terzo tempo i bianconeri provano a scappare via con il primo gol in campionato di un grandissimo Federico Foti, ma la reazione dei padroni di casa è puntuale: Magistrini prima e Casazza poi riportano il Lavagna a meno uno, Cuneo prova a rimettere subito le cose in chiaro prima del nuovo meno uno firmato Pedroni. Nel finale di tempo, però, si iscrive al tabellino anche Edoardo Dado Caliogna. La prima marcatura di Dado regala al Camogli l’otto a sei con cui si chiude il terzo tempo. La stanchezza comincia ad affiorare, le due squadre si divertono soprattutto in fase offensiva e ne beneficia lo spettacolo. La gara vive attimi di grande pathos con gol in rapida successione. Un botta e risposta continuo fino al definitivo 12 a 10 segnato da Ale Iaci a 32 secondi dal suono della sirena.

“Abbiamo commesso degli errori, ma sono contento del risultato – racconta Temellini nel post partita – Avevo chiesto alla squadra grande concentrazione e voglia di lottare fino all’ultimo secondo. Sapevo che il Lavagna non avrebbe mollato e posso ritenermi soddisfatto dell’atteggiamento dei miei ragazzi. Ci sono stati diversi errori sui quali ritorneremo in settimana, ma era troppo tempo che non si giocava una partita, quindi era normale avere qualche difficoltà. Mi è piaciuta la reazione del gruppo nei momenti in cui i nostri avversari si sono avvicinati riportandosi a meno uno. Abbiamo quasi sempre segnato l’azione successiva dimostrando di stare bene sotto il profilo mentale. Adesso ci attende una settimana importante perchè dovremo lavorare sodo sotto l’aspetto fisico per aumentare la nostra condizione”.