LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Sanità, Salvatore: "Problemi e disservizi noti, il problema è l’incapacità della giunta Toti"

Più informazioni su

“Ogni volta dall’Assessore competente o dalla Giunta di maggioranza si richiama l’emergenza. La verità è che la Sanità ligure è allo sbando da anni. Non è un’emergenza, è lo stato normale causato da una mancanza totale di capacità gestionale della maggioranza. Come M5S, fin dalle prime sedute di questa legislatura e già nella campagna elettorale per l’attuale legislatura, avevamo messo l’accento sulla necessità di affrontare i problemi, che via via si presentano, con una tempistica più ragionata, più rispondente alle esigenze dei cittadini”: lo ha dichiarato la capogruppo regionale Alice Salvatore, prendendo la parola nell’odierna seduta consiliare.

“Il primo pensiero in questo momento non può che essere per i pazienti oncologici in carico al ‘Cancer Center’ del San Martino di Genova, che continuano a pagare i disagi dovuti al guasto contemporaneo a due apparecchi sui tre in uso, senza considerare un quarto apparecchio già da tempo fuori servizio e in attesa di sostituzione. Disservizio che li obbliga a recarsi in macchina a Savona, con tutti i problemi della viabilità che ben conosciamo, aggravando così la loro già fragile condizione psico-fisica”.

“Tutte le criticità che oggi affliggono il ‘Cancer Center’ del San Martino di Genova, e la Sanità ligure in generale, erano note e andavano affrontate nel 2015. Sono ben 5 anni di nulla di fatto. La Giunta si sveglia solo a cavallo delle elezioni per fare le cose? Beh, la salute dei cittadini non va usata per questo. Ribadiamo dunque la necessità di prevenire le criticità prima che queste si palesino, perché allo stato attuale dei fatti, per altro ampiamente riportati dalla stampa locale, a essere sbagliata è la gestione e la tempistica con la quale si cerca di far fronte alle problematiche note. Per il funzionamento dei servizi pubblici è vitale mettere al primo posto la cultura della prevenzione rispetto alla cultura dell’emergenza”, conclude Salvatore.

Più informazioni su