LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Villa Rocca, la giunta dà l’OK per il restauro del Padiglione del Thé

Affidato l’incarico all’Arch. Roberto Spinetto, sono previsti due lotti d’intervento. Di Capua: "Chiavari si riappropria passo dopo passo, di un bene comune di grande valore architettonico, storico e paesaggistico."

Più informazioni su

Ottenuta l’autorizzazione dalla Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio della Liguria, la giunta Di Capua approva il progetto definitivo di restauro del Padiglione del tè presente all’interno del parco di Villa Rocca.

Viste le particolari condizioni di degrado in cui verte, si è reso necessario provvedere al recupero totale della struttura liberty, importante testimonianza storico-artistica cittadina, inizialmente destinata ad ospitare intrattenimenti culturali sia all’aperto che nelle sale al piano terra.

Completato nel 1912 per volontà di Giuseppe Rocca, l’immobile è articolato su più livelli (seminterrato, piano terra, primo, secondo e terzo piano), modificando in parte una preesistente casa colonica. Affidato l’incarico all’Arch. Roberto Spinetto, sono previsti due lotti d’intervento: il primo riguarderà la messa in sicurezza, il recupero e la conservazione della struttura con l’apertura al pubblico e piena fruibilità (591.680 euro). Il secondo, il completamento delle opere di restauro interno e di alcuni arredi mobili (122.427 euro).

«Il recupero del patrimonio culturale cittadino è fondamentale per lo sviluppo turistico futuro e, più in generale, per il rilancio del territorio: grazie ai lavori che la mia mia amministrazione sta realizzando all’interno del complesso di Parco di Villa Rocca, Chiavari si riappropria passo dopo passo, di un bene comune di grande valore architettonico, storico e paesaggistico. Il recupero del Padiglione del tè ci permetterà di ospitare eventi, mostre e matrimoni in uno spazio unico. Durante il 2020 partiremo con il consolidamento dei solai al primo, secondo e terzo piano; continueremo con il recupero dei cornicioni di copertura in ardesia, con l’impermeabilizzazione della struttura e il ripristino degli scoli delle acque meteoriche. Oltre a nuove pavimentazioni, recupero delle ringhiere, della scala a chiocciola e del ponte in acciaio. Sarà necessario, inoltre, mettere in sicurezza i soffitti decorati, procedendo al restauro delle pareti interne e alla ripresa pittorica dei motivi architettonici presenti all’interno del padiglione» sottolinea il primo cittadino Marco Di Capua.

Più informazioni su